Luce chiara sull'Islam!

Forum sull'Islam.
 
IndiceIndice  RegistrarsiRegistrarsi  Accedi  

Condividere | 
 

 HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Mujahida
Potrebbe contribuire di più
Potrebbe contribuire di più


Messaggi : 96
Data d'iscrizione : 16.02.11

MessaggioOggetto: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Mar Mar 01, 2011 6:09 pm



MIN circolare MIACEL n. 4 del 15/3/1995:

Oggetto:Rilascio di carta di identità a cittadini che professano culti religiosi diversi da quello cattolico - Uso del copricapo

L'Unione delle comunità ed organizzazioni islamiche in Italia ha espresso la difficoltà, incontrata dalle donne di religione islamica presso gli uffici comunali e circoscrizionali di appartenenza, ad ottenere il rilascio della carta d'identità dietro presentazione di foto che le ritraggono a capo coperto.

La questione per il passato è già stata sottoposta all'attenzione di questo Ministero, in relazione alla circostanza che determinate religioni impongono l'uso continuo del copricapo o del capo coperto.

Ciò premesso questo Ministero è dell'avviso che nei casi in cui la copertura del capo in vari modi: velo, turbante o altro, è imposta da motivi religiosi, la stessa non può essere equiparata all'uso del cappello, ricadendo così nel divieto posto dall'articolo 289 del regolamento del t.u.l.p.s.

Invero la cennata disposizione regolamentare non parla di capo scoperto ma bensì fa riferimento al cappello cioè ad un accessorio dell'abbigliamento il cui uso è eventuale e che, per le sue caratteristiche, potrebbe alterare la fisionomia di chi viene ritratto.
Diverso è invece il caso in esame ove il turbante ovvero il velo delle religiose, sono parte degli indumenti abitualmente portati e che concorrono nel loro insieme a identificare chi li porta.

Ciò premesso si ritiene opportuno, anche alla luce di possibili richiami al precetto costituzionale della libertà di culto e di religione, che le richieste in argomento debbano trovare favorevole accoglimento presso le amministrazioni comunali, purché i tratti del viso siano ben visibili.

Si pregano le ss.ll. di curare la più celere e massima diffusione del presente documento presso i Comuni ed, in particolare, i servizi demografici.

Artt. 20 e ss. D. Lgs. 30/6/2003, n. 196 (la violazione dell'art. 20 e' considerata all'art. 167, 2 successivo).


Tornare in alto Andare in basso
http://thesalafimanhaj.blogspot.com/
Mujahida
Potrebbe contribuire di più
Potrebbe contribuire di più


Messaggi : 96
Data d'iscrizione : 16.02.11

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Mar Mar 01, 2011 6:39 pm



ESEMPI DI FOTOGRAFIA CON COPRICAPO PER CARTA DI IDENTITA' (in Italia)


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]


Il volto deve essere scoperto e riconoscibile, non vi devono essere ombre e coperture su di esso e la fronte deve essere lasciata libera.

Tornare in alto Andare in basso
http://thesalafimanhaj.blogspot.com/
hayat84



Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 04.03.11
Età : 32
Località : pavia

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Sab Giu 04, 2011 1:34 pm

salam 'alikum.posso confermare quello che hai scritto,ma con un particolare in più.io mi sono impuntata con l'ufficio comunale e ho preteso che mi si mettesse sulla carta d'identità la mia foto con l'hijab e che mi coprisse fin sotto il mento.il collo coperto e la fronte.il fatto che una persona debba essere riconosciuta attraverso il volto è solo una scusa per "spingere" le donne musulmane che normalmente indossano l'hijab,ad arrendersi alla legge.da quanto ho imparato,l'Italia non ama vedere sulla carta d'identità le donne che si coprono;quale tipo di documento potrebbe richiedere chi (a'udhu billah)cambia sesso e si presenta al comune per rifare la carta d'identità?non è una vergogna???si attaccano al superfluo e tralasciano il resto.se uno vuole fare del male,non ha bisogno di coprirsi il volto:lo fa alla luce del sole perchè non teme il castigo di Allah.alle donne straniere in Italia vorrei dire di non lasciarsi intimorire e che se vogliono coprirsi i capelli,che lo facciano!
Tornare in alto Andare in basso
khadi
Potrebbe contribuire di più
Potrebbe contribuire di più


Messaggi : 54
Data d'iscrizione : 16.02.11

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Sab Giu 04, 2011 8:58 pm

hayat84 ha scritto:
alle donne straniere in Italia vorrei dire di non lasciarsi intimorire e che se vogliono coprirsi i capelli,che lo facciano!

masha Allah!
Tornare in alto Andare in basso
http://elqawarir.wordpress.com/
hayat84



Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 04.03.11
Età : 32
Località : pavia

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Sab Giu 04, 2011 10:21 pm

figuriamoci!in giro c'è così tanta cattiva pubblicità,che di vere credenti ne sono rimaste poche.lo dico perchè ho avuto modo di fare amicizia con delle donne arabe musulmane,che per via del lavoro o di qualsivoglia scusa,non ottemperano a ciò che Allah ha detto loro di fare,e più volte mi sono trovaa involontariamente in imbarazzo,quando certe donne arabe senza hijab arrossivano alla mia vista.Di conseguenza la Storia ha fatto il suo corso e così siamo arrivati ad avere più di un miliardo di musulmani nel mondo,ma solo il 60%di loro applica davvero la legge di Allah.
Tornare in alto Andare in basso
Mujahida
Potrebbe contribuire di più
Potrebbe contribuire di più


Messaggi : 96
Data d'iscrizione : 16.02.11

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Dom Giu 05, 2011 12:18 am


Mashaa Allah! Qualche settimana fa mi sono lasciata convincere da una sorella a partecipare ad un incontro tra donne (musulmane e non), per parlare della questione velo...che poi in realtà non c'è nessuna questione, se non quella che hanno stabilito i kuffar o le musulmane che preferiscono non soddisfare questo obbligo. La sorella mi ha chiesto di partecipare per portare la mia testimonianza sul niqab, quindi ho pensato che fosse meglio andare per evitare che qualcuno negasse questo precetto o lo interpretasse malamente. Un paio di libretti in inglese, come prove da portare dal Qur'an e dalla Sunnah, e via!! Arrivando al dunque: c'erano alcune sorelle non coperte (non solo in testa: maniche corte, abiti stretti, profumo, etc.), straniere, che hanno candidamente ammesso di non indossare il hijab perchè "Già sono razzisti perchè mi vedono straniera, figurati se metto il velo che difficoltà trovo" oppure "Senza il velo riesco ad essere più integrata, la gente non mi guarda male". Ya Rabb, guida la tua Ummah!!! Io non penso che ci credano davvero, a ciò che dicono. Perchè di donne coperte, straniere ed italiane, se ne vedono molte mashaa Allah. Forse qualche piccola difficoltà la incontrano, chissà, eppure continuano a coprirsi. Non ci sono scuse.

Spetta soltanto ad Allah guidare chi vuole, però noi possiamo essere di "esempio" (astaghfirullah, perlomeno da questo punto di vista) alle sorelle che si preoccupano di un permesso di soggiorno piuttosto che di un lavoro. Dimostriamo loro che dobbiamo avere Taqwa di Allah e non timore di ciò che è dunya. Il problema, sorella Hayat, è capire se queste donne "vogliono coprire i capelli". Spesso secondo me, wa Allahu a'lam, è un alibi che loro stesse danno alla propria disobbedienza ad Allah (perlomeno in questo ordine). Ricordo di una donna maghrebina, ai tempi del mio ritorno all'Islam, che mi disse che non indossava il hijab per paura di perdere il lavoro, la casa, etc. Questa donna, però, si recava regolarmente in moschea per seguire i corsi...vestiva in maniera discreta e decente (maniche lunghe, pantaloni ampi, maglie coprenti, etc.)...non usciva se non pe necessità (lavoro, spesa, moschea)...insomma, la volontà e la pratica c'erano. Anche parlando con lei, mi accorsi che era una buona sorella mashaa Allah. Allora lì sì che cercai di incoraggiarla...perchè avevo capito che una base, una fondamenta c'era!! Lei, inoltre, ammetteva apertamente il suo sbaglio dicendo che doveva trovare la forza per fare quel passo. Mentre spesso senti dire che "Nessuno mi può obbligare, quando me la sento lo metto". E come no?! Allah ti obbliga, dici nulla!!

In Italia non esistono leggi che vietano l'uso del hijab e neppure del niqab...se una sorella teme discriminazioni a causa di questo gesto di obbedienza, altro non deve fare che affidarsi ad Allah e sicuramente troverà riparo dal male e conforto presso di Lui.

....ukhti Hayat, non per essere pessimista, ma sei davvero sicura che "addirittura" il 60% dei Musulmani seguano gli ordini di Allah e del Suo Messaggero (sallAllahu 'alayhi wa sallam)?!

Was salamu aleikum wa rahmatullahi wa barakatuhu.
Tornare in alto Andare in basso
http://thesalafimanhaj.blogspot.com/
hayat84



Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 04.03.11
Età : 32
Località : pavia

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Dom Giu 05, 2011 6:49 pm

hai ragione forse sono troppo pessimista,ma di tante persone che ho visto qua e là,c'erano donne "musulmane" senza hijab e con abiti troppo succinti:il bello è che loro dicevano di esserlo,pur non seguendo le regole(insomma musulmane di nascita,un pò meno di fatto).e vedo molti uomini "musulmani che spesso litigano e che fumano.dimmi sorella,quanti veri musulmani ci saranno nel mondo?nessuno è perfetto(purtroppo)e come temo io,se continua così,la società saraà corrotta a tal punto da veder crescere delle generazioni che non sanno niente della loro origine islamica o che addirittura la rinnegano.una donna mi ha detto che non lo mette perchè soffre di pressione bassa...solo chi ha da nascondere qualcosa si vergogna.Allah sa quello che c'è nel cuore dell'uomo,e credo che se davvero guardasse ogni minimo errore,in Paradiso non ci starebbe nessuno
Tornare in alto Andare in basso
um muhammad al-mahdi



Messaggi : 27
Data d'iscrizione : 28.02.11

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Dom Giu 05, 2011 9:56 pm

assalamu alaykum,

penso che la questione possa essere presa dalle ''basi'' e in un certo senso, arrivare fino all'atto di ibadah ''hijab''. Si possono trovare tutte le scuse possibili e immaginabili per NON mettere l'hijab ma se non si ha per primissima cosa il tawhid nel cuore, ben saldo .... come si fa? Per chi e perche' ti copri? Il tawhid e' la chiave di tutto secondo me mashaALlah wa alhamdulillah!

barakaAllahu fikunna per i vostri post!!
Tornare in alto Andare in basso
http://fatubalilghuraba.blogspot.com/
khadi
Potrebbe contribuire di più
Potrebbe contribuire di più


Messaggi : 54
Data d'iscrizione : 16.02.11

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Lun Giu 06, 2011 12:49 am

um muhammad al-mahdi ha scritto:
assalamu alaykum,

penso che la questione possa essere presa dalle ''basi''...

wa aleikum assalem wa rahmatullah ukhti, non posso che concordare.

E' una problematica che ho vissuto direttamente sulla mia pelle e niente è cambiato (anzi tutto sembrava peggiorare) fino a quando ho continuato ad avere un approccio "arrangiato".

Alhamdulillah le cose son cominciate a cambiare dentro di me e quindi dopo anche fuori quando ho preso in mano (masha Allah... finalmente!!!) un po' di testi "giusti" e quando ho iniziato a pormi bid'nillah le domande necessarie.

Avrei potuto essere ancora oggi una delle interlocutrici dell'incontro di Mujahida in jeans e maniche corte, avrei detto che certo il velo è un obbligo... però, mi dispiace, io non me lo posso permettere... e dietro quella che all'inizio era una semplice debolezza, una mancanza di coraggio, una paura che si faceva terrore, pian piano avrebbe continuato a maturare l'indifferenza, l'incoscienza e la superficialità che a lungo andare ti fanno uscire, mentre la tua bocca dice ancora "sì, sono musulmana!" ma il cuore no, segue a stento e a volte si ferma e indietreggia e quasi non ti trovi più: tu, finalmente "normale", sì, come tutte le altre, come le non musulmane, proprio uguale sia dentro che fuori, anche se la tua bocca non lo ammette. Ma che te ne fai di una bocca, da sola?

Non è facile capirlo e comunque è una grazia che ci viene fatta, un dono incommensurabile: una seconda possibilità, una seconda vita proprio quando eri ormai morta e non avevi più la forza nemmeno di respirare e figuriamoci rialzarsi...
Davvero: non siamo niente...

Che Allah ci guidi e guidi tutte le sorelle in difficoltà, tutte quelle che brancolano nel buio convinte di vedere, tutte quelle che si leggono Lamrabet, Amr Khaled e Abu Qateda convinte di "studiare".

Che Allah ci renda palese la verità e ci renda facile il seguirla.
Amin.
Tornare in alto Andare in basso
http://elqawarir.wordpress.com/
um muhammad al-mahdi



Messaggi : 27
Data d'iscrizione : 28.02.11

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Lun Giu 06, 2011 8:40 am

Amiiiiiin!!!

khadi ha scritto:
Alhamdulillah le cose son cominciate a cambiare dentro di me e quindi dopo anche fuori quando ho preso in mano (masha Allah... finalmente!!!)

Masha'Allah tabaraka'Allah! E' proprio quello che intendevo dire!

alhamdulillah!

assalamu alaykum wa rahmatullah
Tornare in alto Andare in basso
http://fatubalilghuraba.blogspot.com/
Mujahida
Potrebbe contribuire di più
Potrebbe contribuire di più


Messaggi : 96
Data d'iscrizione : 16.02.11

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Mar Giu 07, 2011 12:07 pm



Mashaa Allah akhawati!! Barak'Allahu fikunna!! La chiave di tutto sta proprio nella comprensione e nello studio e nella conoscenza delle fondamenta...il Tawhid innanzitutto. Subhana Allah, la base del nosto Din: nessuna divinità degna di essere adorata, tranne Allah. E soltanto per capire questa dichiarazione, ci va uno studio attento e approfondito. E deve scolpire il cuore del Credente!! E poi ciò che si contrappone a questa dichiarazione, poichè lo Shirk è anche "soltanto" indossare un hijab per ostentazione o per tradizione o per altri che Allah. Che Allah ci guidi, ci guidi in tutto ma in particolare alla comprensione corretta del Suo Din.

Tornare in alto Andare in basso
http://thesalafimanhaj.blogspot.com/
Amatullah



Messaggi : 15
Data d'iscrizione : 15.03.11

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Mar Giu 07, 2011 12:34 pm

Quindi coloro che indossano l'hijab sole perchè il marito cglielo chiede commettono shirk??

Salama aleikum.
Tornare in alto Andare in basso
Mujahida
Potrebbe contribuire di più
Potrebbe contribuire di più


Messaggi : 96
Data d'iscrizione : 16.02.11

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Mar Giu 07, 2011 1:06 pm


Wa aleikum salam wa rahmatullahi wa barakatuhu ukhti.

Qualunque azione venga compiuta per altri motivi che l'obbedienza sincera e pura ad Allah, cade nello Shirk (questa è un sentenza generale, nel dettaglio non possiamo permetterci di dire "tizio o caio è mushrik perchè fa questo o quello"). In ogni caso è Shirk minore, quindi non espelle dalla Religione.

Se un marito che impone la corretta copertura alla propria moglie lo fa per Allah subhanahu wa ta'ala, fondamentalmente non sbaglia. Perchè spetta agli educatori, ai tutori, ai maharim di una donna spiegarle l'importanza dell'obbedienza ad Allah in ogni materia...anche in quella del hijab. La questione sta nella comprensione di questo ordine: se il marito lo impone in maniera aggressiva/violenta e senza dare spiegazioni dal Qur'an e dalla Sunnah, avrà poco valore quello che entrambi stanno facendo. Wa Allahu a'lam.

Conosco una sorella, presente in questo forum, che ha cominciato ad indossare il hijab all'età di 9 anni. Da sola, senza alcuna imposizione, la famiglia era anzi "contraria" a questa scelta così precoce. Evidentemente aveva capito l'importanza dietro questo precetto. Secondo me, proprio come hanno detto Um Muhammad al-Mahdi e Khadija, si deve partire dalla basi insha Allah. Ed è dovere del marito essere in grado di compiere questo jihad con la moglie; una volta che lei avrà compreso la chiave del Din (che è dalla parte opposta allo Shirk), capirà lei stessa che l'atto di 'ibadah va compiuto soltanto per Allah.

Allahu a'lam.

Ti consiglio di leggere questa traduzione insha Allah, parla in maniera dettagliata dello Shirk e delle sue categorie.

Tornare in alto Andare in basso
http://thesalafimanhaj.blogspot.com/
hayat84



Messaggi : 11
Data d'iscrizione : 04.03.11
Età : 32
Località : pavia

MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Mar Giu 07, 2011 4:16 pm

imporre ad una donna di coprirsi è come costringere un cavallo a galoppare nell'acqua alta.un marito ha il dovere di insegnare alla moglie i precetti dell'islam,ma non dimentichiamo che lei non ha l'obbligo di essere musulmana.sarebbe bello se una donna fosse già naturalmente portata a capire,ma Allah apre il cuore di chi vuole.io ci ho messo un pò per capire il significato dell'hijab,credevo che se anche non lo indossavo ero una buona credente;sicuramente lo ero,ma non mi distinguevo dalla massa,così da un giorno all'altro ho deciso di uscire dalla massa e affrontarla.capii che coprendo i miei capelli in nome di Allah,nessuno mi poteva toccare moralmente.essendo cresciuta in una società occidentale e ant-islamica,per me non esisteva nessun'altra guida se non il Corano.quando ho capito i versetti,ho capito che non ero completa.e la stessa cosa penso delle sorell che ritardano il loro compito per qualsivoglia ragione
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)   Oggi a 11:38 am

Tornare in alto Andare in basso
 
HIJAB E CARTA DI IDENTITA' (in Italia)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Carta d'identità cartacea
» Uniteddogs Italia
» Speciallizarsi in svezia, dopo la laurea in Italia.
» Imparare lo svedese in italia o in svezia?
» personnummer

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Luce chiara sull'Islam! :: Discussioni Generali :: Affari moderni-
Andare verso: