Luce chiara sull'Islam!

Forum sull'Islam.
 
IndiceIndice  RegistrarsiRegistrarsi  Accedi  

Condividere | 
 

 Il ritorno della sorella Ayah (*)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Admin
Admin


Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 08.02.11
Località : Amministrazione

MessaggioOggetto: Il ritorno della sorella Ayah (*)   Mer Feb 09, 2011 10:38 am

(*) Dal vecchio forum :
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Scritto dall'utente ayah
"Il mio ritorno"



Su richiesta del fratello Tamer posto qui il mio racconto di ritorno all'Islam:

BismiAllah Ar-Rahman Ar-Rahim.


Assalamu alaykum wa rahamtullahi wa barakatuhu a tutti!

Non è facile raccontare la mia conversione. E' successo tutto gradualmente e inaspettatamente... Dovessi ripescare il bandolo della matassa (e che matassa!), direi che è nel mio cuore cresciuto in occidente. In un mondo così lontano dai ritmi che tanto ho desiderato senza saperlo e che ho ritrovato solo nell'Islam. Quattro anni fa era una religione sconosciuta, talmente sconosicuta che era un luogo comune. Oggi è la mia religone, la Sola Religione che è perfetta come un cerchio che si chiude, in cui trovo finalmente tante risposte, e di cui mi fido ciecamente per quello che non mi è dato sapere, perchè l'immagine che mi rende di Allah subhana wa t'Ala, è talmente grande, talmente potente da non poterla neache immaginare oltre la sua luce. Nel mio camminio ci sono stati momenti di stupore, serenità ma anche dolore. Prima mio marito, e la lettura del Corano poi, alhamdulillah sono stati la mia salvezza. Quando ho cominciato a leggerlo, leggevo rispettosamente e con curiosità uno dei libri sacri, il Libro che mio marito venerava sin da bambino. E' stata la lettura più coinvolgente della mia vita, ha sbaragliato "L'insostenibile leggerezza dell'essere" di Milan Kundera e tutti i dubbi e le paure del nostro triste e depresso millennio che cozza con la sua folle corsa. Mi ha accarezzato dolcemente, ma mi ha anche ferita e in qualche occasione, trafitta quando parlava di Abramo, alaihi sallam, e di suo padre. Mi ci sentivo dentro con tutte le scarpe... e ho pianto. Mi sono sentita giudicata, senza possibilità e volontà di replica. Ricordo agli inizi una mia amica mi chiese un parere sul Corano, non avevo ancora finito di leggere "Al-Baqara", dissi che era come la voce di un padre autoritario, una lettura difficile. Una volta ho anche provato ad ignorarla, ma non si può tornare indietro. Ho capito che quella voce era dolce, anzi la più dolce, la voce del Misericordioso, del Compassionevole e che quello che mi chiedeva era veramente poco, rispetto al dono che mi aveva fatto. Alhamdulillah, mi sono ritrovata a volerne sapere di più, e sempre alhamdulillah ho trovato quello che cercavo, la strada giusta e le persone giuste. Volevo che la mia shahada fosse vera, volevo essere fiera di essere mussulmana, fiera di uscire con il velo. Ma non ero così forte qualche tempo fa. Oggi, non mi sento ancora forte come vorrei, però questo hijab non lo toglierò tanto facilmente... perchè è per Allah, subhanaHu wa t'ala, è il simbolo del patto che abbiamo stretto, e della Sua immensa misericordia verso di me.

Formalmente il mio ritorno all'Islam è stato di martedì 20 febbraio ad Al-Ahzar, al Cairo. Direi che il mio viaggio verso l'Egitto è andato liscio ed è stato piacevole. Allah, subahanaHu wa t'Ala, ha voluto che in un aereo che era mezzo vuoto, noi capitassimo accanto ad un'altra famiglia simile a noi, lei egiziana mussulmana e lui italiano ritornato all'Islam (Mashallah!), con tanto di mamma italiana al seguito. Al decollo dell'aereo mentre noi mussulmani facevamo le nostre invocazioni, la signora si faceva il segno della croce. Mi sembrava un ottimo auspicio ed un segno che l'Islam non divide nè le persone e nè le famiglie. Arrivati ad Alessandria d'Egitto, sono rimasta a bocca aperta nel vedere, la partecipazione anche di gente sconosciuta a quello che mi stavo apprestando a fare. Il sarto, mai visto e conosciuto, non si è fatto pagare un gheni per tutte le gonne e i pantaloni che mi ha accorciato, un Imam ha dato di tasca sua a mia suocera, 20 gheni egiziani per comprarmi una copia del Generoso Corano.... Alhamdulillah... le strade erano aperte e quando abbiamo viaggiato verso il Cairo e siamo arrivati ad Al-Ahzar, ero veramente emozionata... ma proprio tanto tanto, ancora mi commuovo. Non ci credevo, finalmente dopo tutti quegli arrovellamenti del cervello e del cuore! Ho fatto piangere quasi tutti. Insieme a me c'erano altri due neo-fratelli, uno dalla Svezia ed uno dal Portogallo. Abbiamo parlato con l'Imam, che aveva la faccia più buona e serena del mondo, direi il volto di chi l'Islam lo conosce bene, e ormai lo traspira e la trasuda. Non dimenticherò mai la sua espressione, le sue parole, e la sua voce nel dire il mio nome islamico, Aya... sister Aya. Vista la sua enorme disponibilità, gli ho chiesto se, tornando nel mio paese non islamico, avrei fatto un peccato grave nel non indossare il velo. E lui ha detto che l'Hijab per la mussulmana è come la corona per la regina, esiste una regina senza corona? No! Ovviamente. E così, lo indosso da quel giorno e chiedo ad Allah ogni volta che esco di casa di proteggermi da Satana il lapidato, e invoco il Suo Nome perchè sò con certezza che solo in Lui c'è forza e potenza e alhamdulillah, nessuno ancora tra amici, lavoro, genitori mi ha attaccata per questo esotico fazzoletto (come lo chiama qualcuno), Lui mi sta proteggendo. Addirittura il mio capo ufficio, mi ha detto, che devo essere felice e pensare alla mia famiglia, non sembrano neanche parole dette da lui, Alhamdulillah! Non mi vergognerò mai della mia religione, inshallah bismillah.

Riponete la vostra vita in Allah, e niente di quello che avete dato sarà mai perso. E' vero, vivere l'Islam qui in occidente non è facile. Sono miliardi le piccole cose che ci possono traviare. Per questo mi tengo stretta al mio Corano e alla Nobile Sunna e indosso il velo nel nome di Allah il Sommamente Misericordioso e Compassionevole, Re del Giorno del Giudizio.

Rabbena, afrigh alaina sabran wa tawaffan muslimiin.

Alhamdulillah Rabbì al-Alamiin

Ayah

P.s. un pensiero speciale va a questa preziosissima Umma virtuale, che scenda su voi tutti la pace e la benedizione di Allah e che continui a guidarci e a proteggerci, inshAllah bismillah!
Tornare in alto Andare in basso
http://lucechiarasullislam.forumitalian.com
 
Il ritorno della sorella Ayah (*)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Consigli della Nonna
» costo della vita a stoccolma
» Innamorato della mia terra.
» eccomi di ritorno dalla Svezia e dintorni
» Misuratori d'umidità della legna

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Luce chiara sull'Islam! :: Multimedia (Biblioteca e Audioteca) :: Ritorno alla fede-
Andare verso: